mercoledì 12 novembre 2008

Intervista fatta da Giorgio Puzzovio per sottoterra.it

Pubblichiamo l'intervista che ci è stata fatta da Giorgio Puzzovio per il portale sottoterra.it Le risposte sono date da Bruno ma ovviamente il pensiero è dei Roccaforte.

Collegamento alla pagina web dove è stata inserita la nostra intervista con alcuni brani, vedere qui
Collegamento al file in formato .pdf, vedere qui


Immagine di repertorio, live novembre 2007


Intervista:


Giorgio Puzzovio: "Ciao ragazzi! Raccontateci un po di voi: chi siete e da dove venite? "
Bruno: "Ciao, siamo i Roccaforte, gruppo rock prog in italiano di Alessandria (Piemonte). Alle domande rispondo io in quanto sono, con Fabio, tra i fondatori del gruppo. Comunque per una presentazione generale: Fabio Serra (chitarra e voce), Andrea Toniato (voce), Bruno Borello (basso), Simone Villati (batteria) e Michele Masoero (tastiere). Attivi dal 2001, con questa line up dal 2005."

Giorgio Puzzovio: "Il vostro ultimo lavoro, "Per volontà del re" propone una struttura tipica dei grandi dischi rock degli anni 70: il "concept album". Come mai questa scelta?"
Bruno: "Questa scelta ci ha sempre affascinato, avere una storia o comunque un filo conduttore che lega tutto l'album ci ha immerso tutti e cinque nella stesura dei testi e soprattutto nella scelta degli argomenti. I temi sociali trattati sono, per alcuni versi, molto delicati e speriamo di averli interpretati nel migliore dei modi. Abbiamo cercato di immergere anche la grafica in questo concetto, ammetto pero' che non è semplice associare delle immagini e disegni ad una storia ben precisa."

Giorgio Puzzovio: "Le sonorità del disco si spingono fino ad echi di musica celtica, come anche parte dei testi. E' una scelta voluta o puro sviluppo libero della vostra creatività?"
Bruno: "Mah, questo è un discorso un po' complesso, nel senso che ognuno di noi ascolta musica da quando era in fasce e soprattutto generi diversi. Il percorso che abbiamo fatto per arrivare a questo risultato si è evoluto nel tempo e se devo essere sincero , da poche settimane, abbiamo iniziato i lavori per i pezzi nuovi dove cercheremo di trasportare quello che fino ad ora abbiamo fatto verso la vena del progressive in tutta la sua forma. Grande influenza nel nostro cambiamento sono state anche le persone che, prima di questa formazione, hanno fatto parte dei Roccaforte. Quello a cui ti riferisci nella domanda non è stato casuale e libero ma abbiamo cercato di realizzare con i suoni ciò' che il testo trasmetteva, soprattutto nella trilogia di "Per volontà del Re"."

Giorgio Puzzovio: "Nel vostro curatissimo booklet cd ci sono immagini evocative ed oniriche di tradizione "floydiana": in cosa sentite affine la vosta musica a quella dei Pink Floyd , se la sentite affine? "
Bruno: "No. Spesso ci viene fatta la domanda "da chi prendiamo spunto" o "quale gruppo vi ha influenzato di più". Potrei peccare di presunzione ma tutto ciò' che nasce dai Roccaforte è il puro frutto delle nostre idee, dalla prima parola di un testo, dal primo accordo e dal primo schizzo della grafica. Il cavaliere della copertina (rispecchia la parte III, la coscienza) l'ho disegnato io a matita e poi col PC ho incominciato una lunga elaborazione grafica fino ad ottenere la copertina. Gli sfondi sono foto dei posti in cui abitiamo, ovviamente rielaborate ed adattate al disegno..."


Immagine di repertorio, live settembre 2008

Giorgio Puzzovio: "Se Roccaforte fosse un colore, quale sarebbe? E perchè?"
Bruno: "Uhh che domanda.... beh, forse un colore solo non ci rispecchia. I nostri spazi web e i nostri CD hanno colori, almeno fino ad ora, verde, blu e marrone. I primi due li troviamo adatti al nostro genere e alle speranze, molto profondi e di grande impatto mentre il marrone è un po' il colore della terra con la quale si è costruita la Roccaforte, il nostro mondo e quando siamo chiusi in quel posto (come descrive la canzone che prende il titolo dal nome del gruppo) ci sentiamo sicuri e fuori da ogni problema. Quindi per noi il marrone vuol dire sicurezza."

Giorgio Puzzovio: "Com'è la scena musicale piemontese attuale?"
Bruno: "Per i gruppi come il nostro che propongono brani inediti è una scena triste. Ma non lo è solo in Piemonte, penso un po' nella cultura italiana (purtroppo). Fino ad ora abbiamo suonato molto, a maggio abbiamo festeggiato i 100 concerti in tre anni ma credimi che dietro c'è un lavoro, un impiego di tempo che solo chi ha esperienza come la nostra può' capire. I locali non hanno clientela e spesso la devi portare tu. Se non includi delle cover la gente si stanca e casualmente se suoni un Enter sandman scoprono anche che sei bravo......cosi abbiamo integrato nelle nostre scalette 6 cover per spezzare il ritmo ma credimi che lo facciamo non volentieri. Inoltre, pur di suonare live perché ci crediamo ed è il frutto di tanta fatica, spesso non rientriamo delle spese. Produttori, personaggi del settore, dello spettacolo non sanno neanche che esisti nonostante abbiamo partecipato e vinto molti concorsi anche a livello nazionale. "

Giorgio Puzzovio: "La vostra prima sala prove era un casolare immerso fra le colline piamontesi: uno scenario che ha influenzato anche la vostra musica in qualche modo?"
Bruno: "Questo casolare ha dato il nome al gruppo. E' una bellissima storia e dove avevamo la nostra prima sala prove oggi si sta per terminare un grande centro benessere. E' stato scritto un libro sulla storia del luogo che verrà presentato nella primavera del 2009 e con grande soddisfazione una pagina è dedicata a noi. Il luogo si chiama Fortezza Rocca Civalieri. Le prime note risalgono al 1992, ed era un giro di DO fatto pure male... eheheh..."

Giorgio Puzzovio: "Come si sviluppa il processo creativo all'interno della vostra band? Lavorate tutti insieme sui brani o avete compiti ben precisi per ognuno dei componenti?"
Bruno: "Per quanto concerne i testi siamo in tre a scrivere. Fabio, Andrea ed io. Spesso scrivendo si ha anche una piccola idea della linea melodica ma non è influente perché il tutto nasce e si amalgama in studio, con le idee di tutti. Anche la modifica delle parole per la metrica e soprattutto gli arrangiamenti vengono fatti e rifatti e ancora una volta modificati fino a quando ognuno di noi è convinto e sicuro del lavoro, altrimenti non si archivia il pezzo."

Immagine di repertorio, live giugno 2008


Giorgio Puzzovio: "Il concept "Per volontà del re": cosa volete comunicare, che idee ci sono alla base delle figure metaforiche ed allegoriche che popolano i testi dell'album?"
Bruno: "La comunicazione principale è racchiusa nel brano "Per volontà del Re parte III, la coscienza". Vedi, trattiamo temi di bambini appena nati e abbandonati, la potenza di un Re che da ordini per la conquista e quindi nuove guerre, l'orribile gesto di uccidere e altro ancora ma alla fine, chiunque di noi, deve fare i conti con la peggiore delle torture: la propria coscienza. Se nel corso della vita e soprattutto quando si va a dormire non si devi combattere con la coscienza allora vuol dire che il proprio percorso è corretto..."

Giorgio Puzzovio: "Ci sono risvolti politici nella vostra musica? "
Bruno: "Si, in parte. La metafora trasportata nel medioevo dove ci sono guerrieri a cavallo, ordini del Re, guerre con spade non fa che rispettare le maledette scelte politiche ed economiche dei nostri presidenti di oggi. L'unica differenza è l'uso delle armi, la tecnologia ma la guerra è sempre la stessa... fatta per distruggere e per poter ricostruire... sulla pelle del popolo."

Giorgio Puzzovio: "Nel brano che da il titolo all'album, sento influenze rock progressive (King Crimson) con un suono possente che ha volte ricorda le sonorità dei Metallica di Master of the puppets: vi sentite più vicini all'hard rock o al metal?"
Bruno: "Penso che con questa domanda fai felice il nostro batterista Simone (soprannominato IL martello di Lucifero). E' un picchiatore, dove la batteria deve avere almeno il doppio pedale altrimenti non si può' chiamare cosi... cerchiamo comunque anche nei pezzi più' "duri" di inserire delle linee melodiche ed elaborate per non risultare troppo da una parte o troppo dall'altra. Come già detto, stiamo affinando il nostro percorso verso un rock prog... stiamo tentando. :-D Il metal dei metallica, degli iron, motorhead... insomma siamo cresciuti con quei colossi..."

Giorgio Puzzovio: "Cosa ne pensate del file-sharing e la musica free su internet? E' un'opportunità per le band emergenti o un problema?"
Bruno: "Qui ci trovi completamente a nostro agio. Internet e la rete in generale è la sopravvivenza per i gruppi emergenti. Arriviamo nelle case di tutti e in tutto il mondo. Abbiamo 3 spazi: il web, lo space e il blog. Nella sezione download si può' scaricare completamente il nostro ultimo CD mentre i pezzi vecchi sono incompleti per questioni di tempo, ma, fra poco metteremo in download anche quelli. Sempre dal nostro web c'è la possibilità di acquistare il materiale per avere un prodotto confezionato come quello che vi abbiamo inviato. L'utente deve essere libero di fare come crede. Per noi l'importante è far girare la nostra musica e non vendere, non ce ne frega nulla. Economicamente potrebbe essere un danno ma i CD li vendiamo durante i concerti, dal web secondo noi deve essere tutto FREE. Viva la rete, viva il download."

Giorgio Puzzovio: "Parliamo un po dei vostri live? Siete in tour attualmente? Prossime date?"
Bruno: "Fortunatamente, come dicevo prima, non abbiamo mai smesso di suonare. Abbiamo raggiunto una buona quota di concerti (100 festeggiati a maggio), 120 attuali dal giugno 2005. Abbiamo ancora due concerti fissati (il 15 e il 20 novembre) e un paio in sospeso prima della fine dell'anno. Pero' è dura dura dura trovare, cercare e bussare..."

Giorgio Puzzovio: "Dove saranno e che faranno i Roccaforte fra 10 anni? Come vedete il vostro futuro ed il futuro della musica rock?"
Bruno: "Guarda ti posso solo dire questo... dove saranno i Roccaforte non lo so, per ora cerchiamo di vivere questo sogno che in qualche modo e soprattutto da soli abbiamo realizzato. Il futuro del rock in Italia non esiste. Nessuno punta su gruppi emergenti perché economicamente non portano a nulla. In radio nazionali, in TV e su certi circuiti musicali importanti si vedono sempre le stesse facce. Vi faccio io una domanda: negli ultimi 10 anni quanti gruppi sono emersi, ma gruppi con G maiuscola? 2? 3? beh tutto detto..."

Giorgio Puzzovio: "3 aggettvi per definre la band."
Bruno: "Tenaci, testardi e bonaccioni (inteso come leali)."

Giorgio Puzzovio: "Spazio libero. Dite quello che volete."
Bruno: "Un grazie enorme a Giorgio Puzzovio e a Sottoterra per questo meraviglioso spazio e per la bellissima intervista. Ci facciamo un po' di pubblicità e venite a trovarci sul web per chi è lontano, dal vivo nei concerti (abbiamo bisogno di voi) per chi è vicino...

Official Web: http://www.roccaforte.it/

Space: www.myspace.com/roccaforterockband

Blog (attivissimo) http://roccaforte.blogspot.com/

Discografia:

Parole mai dette (CD 2005)

Live for Africa (CD 2006)

Per volontà del Re (CD 2008)

Live al teatro 7 di Torino (DVD 2008 su Rete7 Piemonte e SKY846)"

27 commenti:

Maurizio ha detto...

Già vi vedo al Maurizio Costanzo Show... col Maurizione nazionale che vi fa le domande mentre mitiga le ovazioni del pubblico con il suo solito : "BONI... STATE BONI"...

Ilaria ha detto...

Spero proprio di non vedervi mai da Costanzo, ma penso che non ci sia il rischio: tanto non lo guardo IO!!!
Certe domande sono quelle che ti avrei fatto io: quella del colore ( a tutti abbino un colore: il tuo secondo me è un verde piuttosto scuro, tra il muschio e il pino...) e le parole per definirsi...
avevo pensato ad un post in merito...prima o poi magari lo farò.
Un bacio...

Bruno ha detto...

@ maurizio
ma si dai ti ringrazio che in qualche modo ci aiuti a sognare :-D

@ ilaria
ehehe...salire su un palco cosi vuol dire che sarebbe un bel punto di inizio, come lo è stato per molti.
Verde scuro???? mi devo preoccupare?????????

Ilaria ha detto...

Meglio non essere tra i molti , ma tra i validi...non credi querido?

E' brutto il verde scuro? ci sono dei punti di verde che sono meravigliosi...
poi non ho detto verde bandiera o verde lega!

Mitica Ilaria? mi querido , mi sono fatta la solita sganasciata. comunque grazie non è certo una visione negativa!

Pietro ha detto...

Un saluto alla band "Tenace, testarda e bonacciona (inteso come leali)". :-)

3my78 ha detto...

Bella, mi è piaciuta l'intervista, bravi.
E hai ragione su una cosa... "I locali non hanno clientela e spesso la devi portare tu. Se non includi delle cover la gente si stanca e casualmente se suoni un Enter sandman scoprono anche che sei bravo..."

Credimi tutto il mondo è paese.

In bocca al lupo!

Bruno ha detto...

@ ilaria
il verde è il mio colore preferito

@ pietro
grazie pietro per venire sempre a trovarci, ci fa veramente piacere avere "amici virtuali" che ci seguono......

@ 3my78
NO..!!! tutta l'italia è paese.... ho girato molto per il mondo e credimi che i gruppi e i locali sono completamente diversi.......
all'hard rock cafè di las vegas abbiamo dato un ns demo e dopo tre minuti il CD suonava nel locale (e non un localino del cazzo), da noi appena ti giri finisce nel cestino.....

calendula / trattalia ha detto...

bella intervista, mi è piaciuta molto, per il tuo colore quoto Iliaria, anche io ti vedo verde scuro

Adriano Smaldone ha detto...

eccomi qua di nuovo a passar nel blog di tutti ho avuto un po d'influenza a dire la verità ce l'ho ancora, farò il possibile per passarci ogni giorno mi raccomando dai un occhio anke al mio saluti!!

il Russo ha detto...

Bella intervista, si vede Bruno che sei (siete) dei Monferrini d.o.c..

p.s. Mi è sfuggito o nell'intervista non dici dove farete le prossime due date in programma?

Bruno ha detto...

@ calendula
grazie , poi il verde è il mio colore preferito :-D

@ adriano smaldone
allora auguri di una pronta guarigione, sei nella blogroll...veniamo sempre a vedere le novità

@ russo
no no...non l'ho detto ... sabato 15 siamo al Maltese Pub di Cassinasco (AT) pochi km fuori Canelli mentre giovedi 20 novembre siamo in centro città Asti, strada fortino 14 alla Collina delle 7 streghe...... se sei nei dintorni....sarebbe una figata..!!!!

aNDRea® ha detto...

eh.. eh.. il verde... ^_^

il colore della mia camera! Per la precizione Acid Green!!!

Bruno però, io... lo vedo color pelle e a volte color pelle che riflette luce; quando siamo sul palco tra lui e fabio.. ahahahaha!!! Ovviamente scherzo, anche perchè presto Vi raggiungerò!

Ilaria ha detto...

Mannaggia, mi pare di capire che Andrea alluda a... tutta invidia, dai!

Senti un po' Brunone..ma lo Smaldon passa di blog in blog mettendo sempre lo stesso commento...mi sono un po' rotta i ball...che debba farglielo notare?

Divento antipatica?
Ciaoooooooooooooooo

Ilaria ha detto...

Sono sempre io...non ho potuto resistere e gliel'ho detto!
Adesso non sgridarmi, eh!!!

l'incarcerato ha detto...

No, qui ho il timore che diventiate famosi e poi col cavolo che ci darete la possibilità di interloquire con voi...

Scherzo, dai! Auguri e spero veramente che facciate strada, così magari potrei scrivervi un testo, non si sa mai! ;)

Bruno ha detto...

@ ilaria
hai fatto bene....ci sono tante persone che passano e lasciano un commento uguale ...non è l'unico..
a me piace lasciare commenti per discutere o dare una mia idea....azzo sembra che avere 3000 commenti sia di fondamentale importanza........ adesso vado a leggere..ehehehe....l'hai bacchettato??? :-D

@ incarcerato
eheheh....magari.......sai cosa? mi piacerebbe avere un minimo di successo solo per andare in certi posti e davanti ad alcune persone per restituire "pesci in faccia" e mandarli a fare in culo, ecco sarebbe l'unica cosa che cambierebbe..almeno in me....
P.S. se hai un'idea di testo se ne puo' parlare tranquillamente.....
P.S.S. NO AMORE, NO ANIMA, NO CUORE nè per favore... :-D.....

stella ha detto...

Ciao Bruno,venite a Torino che sul palco vi faccio salire io!

Fate il Concerto di Natale?

Bruno ha detto...

@ stella
No quest'anno niente concerto di Natale......se hai la possibilità di farci venire...NOI CI SIAMO.....

sirio ha detto...

Ciao Bruno,vedo con piacere che venite chiamati,il che significa che la vostra musica,i vostri testi e il modo di proporvi sono importanti,e vengono riconosciuti!
Le cover? Pazienza,fanno parte del gioco...e servono per far apprezzare maggiormente il resto,secondo me.

Buon fine settimana!

P.S.alla fine degli anni 60 (altri tempi) facevo parte di un gruppo,ci chiamavamo "Epoque 66"...che ora non c'è più ma io continuo a suonare,una passione che ho nel sangue!

Bruno ha detto...

@ sirio
grazie per il tuo messaggio, sicuramente il fatto di fare musica è una passione che non ti abbandonera' mai nella vita. Anche io ho suonato anni la chitarra, per rilassarmi, per sfogarmi...me le suonavo e me le cantavo..... (stonatissimo).... e quando il gruppo, un giorno si arresterà, ritornero' a prendere la mia vecchia chitarra e strimpellare...ormai fa parte di me........

Maurizio ha detto...

Buon week end... questo fine settimana ci sono esibizioni in programma?

Bruno ha detto...

@ maurizio
cia buon week anche a te....
si questa sera suoniamo in un locale molto bello, si chiama Il Maltese e si trova a Cassinasco (AT)....mettero' un po' di foto domani.........

Melina2811 ha detto...

Se dovesse passare la legge che stanno esaminando in Parlamento, potrebbero farci chiudere i nostri blog. Notizia da far circolare. Ciao e buon fine settimana da Maria

@enio ha detto...

bella intervista, adesso vi aspetto da Baudo a Buona Domenica a suonare per almeno una 15na di minuti..,

Bruno ha detto...

@ melina 2811
grazie mille per l'info, abbiamo provveduto...ciao buon week anche a te

@ enio
grazie
magari...non tanto perchè è Baudo ma solo per il fatto di essere in RAI, basterebbe solo 5 minuti (un pezzo) di visibilità

Melpomene ha detto...

Ciao Bruno...scusa l'assenza...come forse avrai letto ho problemi al pc!un bacione a te e a tutta la band!

Bruno ha detto...

@ melpomene
ciao
si passo sempre a fare un giretto..... fatti viva appena puoi...ciaoooooooooooooo